loader image

Telefono amico: servizio di ascolto in emergenza emotiva

Se ti trovi in un momento di emergenza emotiva oppure senti il bisogno di parlare con qualcuno puoi rivolgerti a Telefono Amico Cevita.

Il numero è attivo 24 ore su 24. Non ci sono problemi più piccoli e più grandi: ognuno di noi ha un proprio metro di misura e una propria personale e unica storia di vita.


Telefono Amico: +39 02 99777
La chiamata dall’Italia è tariffata a seconda del proprio piano telefonico. Se si prevedono minuti inclusi questi saranno scalati dal proprio saldo.


Il servizio protegge l’anonimato ed un volontario (o una volontaria) sarà lieto/a di offrirti il suo tempo ed il suo ascolto, senza giudicare.

Leggi il racconto di Telefono Amico Cagliari per conoscere la serata di un volontario e la serata di una mamma in cerca di ascolto; segui il collegamento sottostante.


Collegamento: Una sera, al telefono…


Video musicale: Mano Ferma

Testo parziale dalla canzone:

Stare dentro i margini non mi viene bene, però magari INSIEME… non mi fai vedere l’ora così da ricordarmi ancora che tu ci sei per me!

Perché ho la mano ferma solo se la tieni tu.

Con te riesce l’impossibile.

Accendiamo un fuoco anche se adesso piove.

Quando chiudo gli occhi sogno che TU CI SEI PER ME.


Considerazioni:

Esserci sempre per noi stessi è importante così come avere qualcuno vicino a noi nei momenti sia bui che felici per poter condividere e crescere insieme.

Progetto Incontriamoci

Questi ultimi anni di varie emergenze (sanitarie e non) ci hanno maggiormente allontanato / distanziato dagli altri.

La nostra libertà mentale e fisica si è ritrovata limitata e, probabilmente, molti di noi si sono maggiormente rinchiusi in sé stessi o nella routine quotidiana.

Mi piacerebbe visitare o creare uno spazio dove anime con frequenze compatibili generino qualcosa di bello e di nuovo!

Mi viene ad esempio in mente uno spazio comune in cui la musica o il semplice dialogo, il conoscersi possa generare nuove e belle emozioni ma sento di non sapere da dove iniziare!

Per prima cosa ci vorrebbero dei punti in comune ovvero l’obbiettivo di creare uno spazio magico in cui godere della propria e altrui presenza!

Sento ad esempio che mi manca “il mio spazio” in psicoterapia con la terapeuta che mi ascoltava e da cui non mi sentivo giudicato. L’ultima terapeuta che avevo frequentato, prima della pandemia, sapeva trasmettere un qualcosa di quasi magico: è così bello quando ti senti a proprio agio con qualcuno e senti trasmettere calore!

Sento che mi manca quando in passato mi preparavo il venerdì sera per uscire da solo, dalla provincia di Torino al centro città… con l’interrogativo di cosa avrei combinato e se sarei riuscito a incontrare qualcuno di interessante! Ogni tanto capitavo in un piccolo locale bar che aveva due piani; sul primo c’era il bancone di accoglienza e l’ingresso mentre al secondo piano interrato una piccola saletta dove ci si poteva scrivere fra tavoli. C’era un ambiente tranquillo e colorato con qualche spettacolo che intratteneva la serata. Un ambiente dove incontrarsi e dove “svagarsi” dai pensieri “cattivi”, dove accendere la speranza e l’idea che possa capitare qualcosa di bello; penso che sia prezioso e che potrebbe piacere non solo a me.

Ricordo con nostalgia il pianoforte che era posto al centro della stazione di Porta Nuova, a Torino. In una società dove le persone camminano distaccate e distratte dal telefonino, il pianoforte avvicinava gli animi e creava espressione ed interesse. Ricordo che le persone interagivano di più tra loro avvicinandosi al piano, a chi suonava o anche semplicemente mettendosi in ascolto della musica.

Serve un ambiente che ci disseti, che porti un colore diverso a quella che altrimenti sarebbe una comune giornata oppure una comune serata. Le persone e gli incontri possono fare la differenza!

Di quale cocktail di emozioni senti di aver bisogno: di musica, di incontri o più semplicemente di sfogo?

Potresti anche non saperlo con certezza e sentire il desiderio di voler provare qualcosa di nuovo e di diverso dal solito lasciando così la possibilità che qualcosa semplicemente accada!

Cosa si potrebbe organizzare?

Un incontro virtuale su qualche piattaforma… ma avrei il bisogno di “uscire” dall’ambiente di casa, né avrei bisogno per trovare e creare un ambiente più mio, più neutro da energie esterne (visto che non vivo da solo).

Un incontro in qualche locale. Dovrebbe essere un posto tranquillo, magari se alla sera, con luci soffuse. Magari con delle candele o delle luci soft colorate, ma, comunque la differenza e la vera giornata o serata la farebbero le persone! Andrebbe organizzato qualcosa di semplice ma allo stesso tempo speciale!

Passiamo una serata in compagnia, per conoscerci e per condividere qualcosa.
Per creare un ambiente dove una semplice sorpresa possa piacevolmente emozionarci.
Potrebbe essere la musica di un pianoforte, una serata in cui qualcuno canta e dei tavoli prima sconosciuti, si scrivono!

Incontriamoci potrebbe essere anche solo l’idea di un incontro “uno ad uno”.

Un progetto incontriamoci a cui pensare.

Il rapporto con la tecnologia, lo spazio e il tempo.

Nel video che segue il noto conduttore Paolo Bonolis presenta un’interessante riflessione sul rapporto uomo, tecnologia, Dio, spazio e tempo.

Way Into the Future ..But Watch Your Step! | Paolo Bonolis | TEDxLUISS

Nel video viene disegnata l’analogia tra Dio e il computer: viene spiegato come, sia l’uno che l’altro, ci danno l’opportunità di affrontare lo spazio e il tempo superando così un elemento che a volte diventa problematico o sgradito perché ci può tenere bloccati, afflitti e/o limitati.

Viene posta la riflessione che grazie alla velocità del computer ci possiamo muovere velocemente, nel mondo virtuale, nello spazio e nel tempo!

Nel video ci viene ricordato che la tecnologia può portare alcuni svantaggi ad esempio l’atrofizzazione della memoria oppure l’acquisizione di conoscenza indiretta dove i cinque sensi sono abbattuti.

Vengono fatte riflessioni su come si potrebbe creare il disagio di abituarsi ad una dimensione virtuale dove “si riesce a fare a meno” dello spazio e del tempo quando poi nella realtà questi potrebbero diventare molto pesanti e presenti.

Si parla inoltre del rischio della perdita del valore, spesso conferito dallo spazio e dal tempo impiegato per conquistare quella cosa.

Insomma un video di riflessione utile e prezioso: un intervento di valore!

Essere presenti, in ogni situazione

E’ proprio quando arriva il difficile, “il mostro”, il male che ci vuol far del male,
che diventi attaccabile, se ti dimentichi di essere presente!

Essere presenti in ogni situazione vuol dire evitare di annullarsi, sentire la propria energia, percepire il proprio profumo, i sentimenti, i battiti, i nostri buoni propositi, le nostre passioni più belle che raccontano di noi.

Essere presenti, in ogni situazione che sia bella o meno, facile o difficile. Percepire che, ad ogni parola che abbiamo espresso, ad ogni passo che abbiamo intrapreso, c’è sempre stato un perché, anche quando questo è stato meno chiaro.

Essere presenti anche quando una relazione si fa più complicata, anche quando qualcuno ci grida contro con rabbia e assenza di rispetto. E’ importante amarci, sempre, senza eccessi.

Quando sei presente, brilli di una luce magica.

Se ti dimentichi di esistere il buio prende il sopravvento invadendo i tuoi spazi e riempendoti con le sue “verità”.

Essere presenti significa essere il primo a credere in te, se non totalmente almeno un po’ perché quel frammento può crescere nel tempo. Alcuni studiosi sostengono che non c’è differenza fra un complimento fatto da altri o fatto da te: fatti molti complimenti, senza eccessi.

Una candela accesa né può accendere tante altre: ha un grande potenziale!

Essere presenti, in ogni situazione. Vivere il presente, affrontare le difficoltà sentendosi a posto con il mondo e con se stessi: “cerco di fare del mio meglio, tutti sbagliamo”.

Faccio quello che faccio con amore.

Essere presenti in una relazione significa ricordarci che esistiamo e che non siamo gli unici a perdere qualcosa in caso di fratture.

Quando ci dimentichiamo di noi, quando tutta la felicità è attribuita all’altro, quando ci facciamo del male volontariamente per ottenere la comprensione o l’amore degli altri, non siamo presenti: probabilmente abbiamo difficoltà a vederci e ad amarci. Forse ti hanno insegnato che amarti è sbagliato (verità del buio) e tu ci hai creduto!

Il male, per farti del male, ha bisogno di abbattere le tue protezioni: la tua luce, i tuoi scudi. Maggiore sarà la tua disperazione, maggiore sarà la difficoltà di concentrarsi, cogliere i segnali, i barlumi di luce. La vita è magia, diffida da chi la vuole scrivere tutta in un libro di regole.

Essere presenti, in ogni situazione. Senti la tua energia, sii fiero di te, del solo fatto di esserti soffermato a leggere questo testo, di poter scegliere di fare la differenza nel presente e nel futuro prossimo, soprattutto nel presente!

-+=
Decoration sticker
Decoration sticker
Decoration sticker
Decoration sticker
Decoration sticker